Istituto Comprensivo Completo di Asola

Via Raffaello Sanzio, 4 - 46041 Asola (MN) • Tel. 0376 710 279 • Fax 0376 720953 • segreteria@istitutocomprensivoasola.gov.it
mnic80000x@istruzione.it • mnic80000x@pec.istruzione.it

Un curricolo per IMPARARE ad ESSERE, SAPERE, FARE

 

IL NOSTRO CURRICOLO FA RIFERIMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012, IL TESTO UFFICIALE DEL MINISTERO, CUI LE SCUOLE FANNO RIFERIMENTO PER STILARE I PERCORSI ANNUALI: VAI ALLO SPAZIO WEB!

 

 

Un video per esprimere la nostra idea di scuola e di curricolo: perchè andiamo a scuola? a cosa deve servirci ciò che impariamo a scuola?

 

 

In linea generale, il curricolo di una scuola può essere definito come l’insieme finalizzato e organizzato delle scelte, degli orientamenti e delle attività formative che il gruppo degli insegnanti ritiene opportuno assumere e porre in essere, dinamicamente (senza rigidità), in base al giudizio professionale.

II Curricolo dell'IC di Asola è il percorso formativo che la scuola unitariamente offre ai propri alunni. Secondo quanto previsto dalla normativa vigente, esso si articola sostanzialmente in due aree:

 

  • un’AREA PRESCRITTIVA: la scuola realizza percorsi in linea con i traguardi e gli obiettivi di apprendimento prospettati nel testo delle Indicazioni Nazionali 2012;

 

  • un’AREA di AUTONOMIA PROGETTUALE: nella cornice degli obiettivi formativi SAPERE - SAPER FARE - SAPER ESSERE - SAPER STARE CON GLI ALTRI,la scuola, in accordo e in co-progettazione con gli alunni, le famiglie e il territorio, propone percorsi che valorizzano le risorse materiali, umane e culturali tipiche del contesto, per un'offerta formativa coerente e strategica rispetto ai bisogni espressi dall'utenza 

 

 

 

Crediamo che, attualmente, la qualità dell’offerta formativa di un’istituzione scolastica si misuri nell’investimento progettuale relativo all’Educazione alla Cittadinanza,

orizzonte di senso del compito di alfabetizzazione culturale riconosciuto come tipico della scuola.

IL CURRICOLO DI SCUOLA DEVE TENDERE ALLA FORMAZIONE DELL'UOMO E DEL CITTADINO DEL TERZO MILLENNIO.

Vai al documento "Indicazioni Nazionali e nuovi scenari"

Nei percorsi annuali proposti dal nostro Istituto, integrati da diverse iniziative in collaborazione con le Famiglie e il Territorio, emerge con chiarezza la volontà di “tessere insieme” i compiti dell’insegnare ad apprendere e dell’insegnare ad essere con e per l’altro da sé: si tratta di assumere seriamente l’obiettivo della formazione dell’uomo e del cittadino nel contesto multidimensionale del terzo millennio.

Per educare a questa cittadinanza, ad un tempo locale e planetaria, il nostro Istituto ha ideato percorsi:

ispirati al principio della sostenibilità (è sostenibile ciò che produce miglioramento qualitativo attraverso un uso sapiente delle risorse disponibili)

differenziati in base all’età dei soggetti coinvolti.

Tre gli obiettivi prioritari, 

richiamati dal testo delle Indicazioni 2012;

desunti dalla riflessione internazionale in tema di educazione, con esplicito riferimento anche ad Agenda 2030 (vai al Documento):

  • insegnare a ricomporre i grandi oggetti della conoscenza: l’universo, il pianeta, la natura, la vita, l’umanità, la società, il corpo, la mente, la storia in una prospettiva complessa, volta cioè a superare la frammentazione delle discipline e a integrarle in nuovi quadri d’insieme;
  • promuovere i saperi propri di un nuovo umanesimo: la capacità di cogliere gli aspetti essenziali dei problemi; la capacità di comprendere le implicazioni, per la condizione umana, degli inediti sviluppi delle scienze e delle tecnologie; la capacità di valutare i limiti e le possibilità delle conoscenze; la capacità di vivere e di agire in un mondo in continuo cambiamento;
  • diffondere la consapevolezza che i grandi problemi dell’attuale condizione umana (il degrado ambientale, il caos climatico, le crisi energetiche, la distribuzione ineguale delle risorse, la salute e la malattia, l’incontro e il confronto di culture e di religioni, i dilemmi bioetici, la ricerca di una nuova qualità della vita) possono essere affrontati e risolti attraverso una stretta collaborazione non solo fra le nazioni, ma anche fra le discipline e fra le culture.

 

In autonomia progettuale, l’Istituto pensa e realizza percorsi di Educazione alla Cittadinanza sostenibile.

Nel Piano Triennale dell'Offerta Formativa abbiamo assunto i principi esposti

nella Carta della Terra (vai al Documento)

in alcuni scritti del fisico F. Capra sulle competenze di base in tema di sostenibilità: "competenze di cuore, mani, mente e spirito".

L’Educazione alla Cittadinanza sostenibile si traduce, per noi, in percorsi volti a promuovere atteggiamenti di cura e di profondo rispetto verso ogni essere vivente che popola il Pianeta, nella consapevolezza dei legami di interdipendenza che rendono ciascuno di noi “prossimo” per gli altri e per l’altro da sé:

 cuore

 mani

 mente

 spirito

Sentire preoccupazione, empatia e rispetto per altre persone e esseri viventi

Saper apprezzare la diversità dei punti di vista e saper vedere da prospettive multiple

Saper lavorare con chi possiede diversi retroterra, motivazioni e intenti

Impegnarsi per l’equità, la giustizia, l’inclusione e il rispetto di tutti i popoli

Creare ed usare strumenti, oggetti e procedure richiesti da una comunità sostenibile

Trasformare le convinzioni in azioni efficaci e applicare le conoscenze ecologiche alla pratica del design ecologico

Valutare e controllare l’uso di energia e risorse

Affrontare temi e problemi da una prospettiva sistemica

Comprendere i principi ecologici di base

Pensare criticamente, risolvere problemi creativamente, applicare le conoscenze a nuove situazioni

Valutare l’impatto e le conseguenze delle azioni e delle tecnologie umane

Conoscere lo stupore, la meraviglia, la sorpresa

Essere riverenti verso la terra e tutti gli esseri viventi

Sentire un forte legame ed un profondo apprezzamento per i luoghi

Sentire un senso di fratellanza e di affinità con il mondo naturale e promuovere questo sentimento negli altri

 

Schema di sintesi. I riferimenti d’Istituto per la definizione del profilo in uscita dell’allievo

 

 

Impegni della scuola

insegnare a ricomporre i grandi oggetti della conoscenza

promuovere i saperi propri di un nuovo umanesimo

diffondere la consapevolezza che i grandi problemi dell’attuale condizione umana possono essere affrontati e risolti attraverso una stretta collaborazione non solo fra le nazioni, ma anche fra le discipline e fra le culture.

 

Esiti formativi desiderabili in prospettiva  ecologica

Esiti formativi desiderabili in prospettiva europea

OBIETTIVI FORMATIVI D’ISTITUTO

DIMENSIONI DI SVILUPPO DELLA PERSONA IN PROSPETTIVA ECOLOGICA

CUORE

MANI

MENTE

SPIRITO

 I “QUATTRO PILASTRI” DELL’EDUCAZIONE

imparare a …

conoscere

fare

convivere

essere

LE COMPETENZE CHIAVE DA SVILUPPARE

comunicazione nella madrelingua;

comunicazione in lingue straniere;

competenza matematica e le competenze di base in campo scientifico e tecnologico;

competenza digitale;

imparare ad imparare;

competenze sociali e civiche;

senso di iniziativa e di imprenditorialità;

consapevolezza ed espressione culturali.

 

“Una scuola come un ponte”

CONOSCERE, ESPRIMERSI, COMUNICARE

 

 

CONOSCERSI, ESPRIMERSI, COMUNICARE

CONOSCERE E RISPETTARE LE REGOLE

APPRENDERE CON MOTIVAZIONE E PIACERE

ACQUISIRE UN METODO DI STUDIO

 

 

Vai alla Lettera d'Intenti che regola la collaborazione della nostra Scuola con il Territorio

Vai alle SCELTE CURRICOLARI del nostro PTOF!

 

 

 

 

 



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.